Uno sguardo ai presunti raduni violatori delle regole del governo di Boris Johnson

DA FORMAGGI E raduni di vino, a polemiche su come è stato pagato per la ristrutturazione di un appartamento n. 10, e le scuse alla Camera dei Comuni per un altro incontro: la pressione politica non è molto maggiore di così.

Una raffica di polemiche ha coinvolto il governo di Boris Johnson negli ultimi mesi, minacciando la presidenza di un politico eletto per vincere facilmente le elezioni per il Partito conservatore.

Ma ora i suoi colleghi conservatori si stanno chiedendo se valga la pena rischiare politicamente di sostenerlo ancora, poiché rispondono alle domande di elettori arrabbiati e sconvolti che hanno fatto sacrifici durante le restrizioni della pandemia.

Ma la prima delle controversie politiche che si sono insinuate su Johnson non riguardava formaggio e vino o BYOB, ma carta da parati di lusso e un voto alla Camera dei Comuni a tarda notte.

Johnson è stato esaminato dall’inizio del 2021 su come un donatore Tory abbia pagato circa £ 112.000 per lavori di ristrutturazione del suo appartamento di Downing Street, in una controversia soprannominata ‘wallpapergate’ – basato su una carta da parati da £ 850 a rotolo scelta dalla moglie di Johnson.

Un cane da guardia ha concluso che Johnson “imprudentemente” ha permesso che i lavori sull’appartamento andassero avanti senza “considerare più rigoroso come sarebbe stato finanziato”, ma lo ha scagionato dall’infrangere le regole.

Ciò è stato confermato nonostante ulteriori rivelazioni che suggerivano che Johnson potesse sapere più di quanto avesse indicato all’inchiesta. I lavori di ristrutturazione sono stati pagati da un donatore Tory e il partito Tory è stato multato di £ 18.000 per l’incidente (vicino al limite di £ 20.000).

Altro fila sporca è scoppiato nel novembre 2021 quando il deputato conservatore ed ex segretario dell’Irlanda del Nord Owen Paterson ha ripetutamente esercitato pressioni su ministri e funzionari per due società che gli pagavano più di £ 100.000 all’anno.

Boris Johnson inizialmente si è mosso per impedire che Paterson fosse punito per questo, ordinando ai parlamentari conservatori di votare contro una sospensione di 30 giorni e avviando una revisione dell’intero sistema disciplinare, ma ha fatto marcia indietro quando è stato bloccato dai partiti di opposizione e ha suscitato indignazione pubblica.

Poi, una serie di rapporti ha cominciato a trapelare vari dipartimenti del governo britannico avevano tenuto riunioni che violavano le regole, innescato da un video esplosivo pubblicato da ITV di un portavoce n. 10 che scherza su un raduno “formaggio e vino” di funzionari pubblici che è stato poi difeso come un “incontro di lavoro”.

La festa “porta il tuo alcolico” nel giardino n. 10 segnalata questa settimana e una festa di addio tenutasi durante un periodo di lutto nazionale nel Regno Unito sono solo l’ultima di una serie di accuse di raduni tenuti in tutto il governo britannico mentre le restrizioni del coronavirus di erano in atto vari tipi.

Ecco un elenco degli incontri che sono stati segnalati finora, a cominciare dalle due polemiche dell’estate 2020 che hanno alimentato l’ultimo attacco di pressione politica su Boris Johnson.

15 maggio 2020: Festa in giardino di Downing Street

Boris Johnson, sua moglie Carrie, l’ex consigliere capo Dominic Cummings e il principale segretario privato di Boris Johnson, Martin Reynolds, sono stati tutti ritratti, in una fotografia trapelata al The Guardian, seduti attorno a un tavolo nel giardino n. 10, con vino e formaggio davanti a loro.

See also  A few trip spots are anticipated to go green this week, in accordance to the vacation purple list.

Nella foto c’erano anche altre 15 persone, ma il Primo Ministro ha insistito che si trattava di un incontro di lavoro, dicendo: “Quelli erano incontri di persone al lavoro, che parlavano di lavoro”.

20 maggio 2020: festa in giardino BYOB

L’ultima rivelazione è arrivata in un’e-mail, trapelata a ITV, dal signor Reynolds a più di 100 dipendenti di Downing Street chiedendo loro di “portarsi da bere” per un incontro serale.

Numerosi rapporti hanno suggerito che il Primo Ministro abbia partecipato all’evento con sua moglie.

13 novembre 2020: una festa di partenza per l’assistente senior

Secondo quanto riferito all’epoca, il signor Johnson ha tenuto un discorso di congedo per Lee Cain, il suo direttore delle comunicazioni uscente e stretto alleato del signor Cummings.

13 novembre 2020: festa piatta di Johnsons

Ci sono accuse secondo cui l’allora fidanzata del Primo Ministro avrebbe ospitato feste nel loro appartamento, con uno di questi eventi che si sarebbe verificato il 13 novembre, la notte in cui Cummings se ne andò al numero 10.

Un portavoce di Carrie Johnson ha definito l’affermazione “una totale sciocchezza”.

25 novembre 2020: Bevande del Tesoro

Un portavoce del Tesoro ha detto al Times che un certo numero di membri del personale era entrato in ufficio per lavorare alla Spending Review.

Hanno detto: “Siamo stati informati del fatto che un piccolo numero di personale ha bevuto drink improvvisati intorno alle loro scrivanie dopo l’evento”.

27 novembre 2020: Un secondo personale in partenza

Il Mirror ha riferito che il Primo Ministro ha pronunciato un discorso di addio a un aiutante alla fine di novembre mentre il blocco in Inghilterra era ancora in vigore.

Altri rapporti hanno detto che la partenza era per Cleo Watson, un assistente senior di Downing Street e alleato di Cummings.

10 dicembre: festa del Dipartimento per l’Istruzione

Il DfE ha confermato che si era verificato un evento sociale dopo che The Mirror ha riferito che l’ex segretario all’istruzione Gavin Williamson ha organizzato una festa e tenuto un breve discorso a un evento organizzato presso la sede di Whitehall del suo dipartimento.

Un portavoce ha riconosciuto che “sarebbe stato meglio non essere riuniti in questo modo in quel particolare momento”.

14 dicembre: festa con il candidato sindaco di Tory London Shaun Bailey e il personale

Shaun Bailey si è scusato “senza riserve” per aver partecipato al raduno presso il quartier generale della campagna conservatore (CCHQ) organizzato dal personale del suo team di campagna.

See also  Prince Andrew goes on the counterattack after a lawsuit for sexual assault

“È stato un grave errore di giudizio in un momento in cui i londinesi stavano facendo immensi sacrifici per tenerci tutti al sicuro e me ne pento con tutto il cuore”, ha twittato.

Ha lasciato il suo ruolo di presidente del comitato di polizia e criminalità dell’Assemblea di Londra dopo che The Mirror ha pubblicato una foto che lo mostrava al raduno.

15 dicembre: quiz di Downing Street

Il Primo Ministro è apparso sugli schermi dei concorrenti al quiz, ma ha insistito sul fatto che non ha infranto le regole.

Un’immagine pubblicata dal Sunday Mirror mostrava il presidente del Consiglio affiancato da colleghi, uno drappeggiato di orpelli e un altro con indosso un cappello da Babbo Natale, al n. 10.

Downing Street ha ammesso che il signor Johnson ha partecipato “brevemente” al quiz dopo che sono emerse le prove fotografiche, ma ha insistito sul fatto che si trattava di un evento virtuale.

16 dicembre: festa del Dipartimento dei Trasporti

Il Mirror ha riferito che alti funzionari pubblici stavano “bevendo e ballando” all’evento, presumibilmente pianificato dal personale dell’ufficio del segretario ai trasporti Grant Shapps.

Un portavoce del DfT ha dichiarato: “Meno di una dozzina di dipendenti che lavoravano in ufficio hanno avuto un incontro di basso profilo e socialmente distanziato nel grande ufficio open space dopo il lavoro il 16 dicembre, dove venivano consumati cibo e bevande. Riconosciamo che questo era inappropriato e ci scusiamo per l’errore di giudizio”.

17 dicembre: Un ufficio di gabinetto ‘Festa di Natale!’

Numerosi organi di stampa hanno riferito che il 17 dicembre si è tenuta una riunione presso l’Ufficio del Gabinetto.

#Giornalismo aperto

Nessuna notizia è una cattiva notizia
Sostieni il giornale

Tuo contributi ci aiuterà a continuare a trasmettere le storie che sono importanti per te

Sostienici ora

Il Times ha riferito che il segretario di gabinetto Simon Case ha partecipato alla festa nella stanza 103 dell’ufficio di gabinetto, che era stata organizzata da un segretario privato nella squadra di Case e che era stata inclusa nei calendari digitali come “Festa di Natale!”.

L’ufficio di gabinetto ha confermato che si è svolto un quiz, ma un portavoce ha dichiarato: “Il segretario di gabinetto non ha preso parte all’evento, ma ha attraversato l’ufficio della squadra dirigendosi verso il suo stesso ufficio”.

18 dicembre: festa di Natale a Downing Street

L’affermazione che ha dato il via alle accuse di violazione delle regole è che il 18 dicembre si è tenuta una festa per il personale di Downing Street.

See also  A single of the world's most fearsome snipers arrives in Ukraine vowing to slaughter Putin's troops one by just one

Secondo quanto riferito, funzionari e consiglieri hanno tenuto discorsi, gustato un tagliere di formaggi, bevuto insieme e scambiato regali di Babbo Natale segreto, anche se si pensa che il Primo Ministro non abbia partecipato.

La portavoce di Johnson, Allegra Stratton, si è licenziata dopo essere stata filmata mentre scherzava con altri collaboratori in una finta conferenza stampa.

16 aprile 2021: Festa di partenza al n. 10

Un articolo del quotidiano The Daily Telegraph di venerdì affermava che due incontri si sono tenuti al n. 10 nell’aprile dello scorso anno, il giorno prima del funerale del principe Filippo.

Questo è stato durante un periodo di lutto nazionale nel Regno Unito e di restrizioni pandemiche in corso sugli incontri al chiuso.

Il giornale ha riportato i resoconti di testimoni, che hanno detto che era ubriaco e che gli ospiti ballavano a ritmo di musica, con una persona mandata in un negozio locale con una valigia per comprare del vino.

Il giornale ha riferito che quella sera si sono tenuti due eventi di partenza del personale, entrambi successivamente fusi in uno solo.

Un incontro è stato una festa di congedo per l’ex direttore delle comunicazioni di Johnson, James Slack, che venerdì ha detto di essere “profondamente dispiaciuto” per la “rabbia e il dolore” causati da questo evento.

Un portavoce di Downing Street ha detto dell’evento di Slack: “L’ultimo giorno di questo individuo ha tenuto un discorso di addio per ringraziare ogni squadra per il lavoro che avevano svolto per supportarlo, sia quelli che dovevano essere in ufficio per lavoro sia su uno schermo per chi lavora da casa”.

Il portavoce di Johnson ha detto che il primo ministro si trovava nella sua residenza di campagna a Checkers il 16 aprile e non era stato invitato agli eventi.

I rapporti sono stati pesantemente criticati dai politici dell’opposizione, molti dei quali hanno chiesto ancora una volta le dimissioni di Johnson. Il n. 10 si è quindi scusato con Buckingham Palance, dicendo che è “profondamente deplorevole” che l’evento sia avvenuto durante un periodo di lutto nazionale.

Cosa succede dopo

Il futuro politico di Johnson dipende da due cose: una è il rapporto della “formidabile” funzionaria Sue Gray sulle accuse secondo cui Johnson ha infranto le regole di blocco del coronavirus alle feste di Downing Street.

Il Times di Londra riporta che ciò dovrebbe accadere alla fine della prossima settimana.

L’altro è se 54 parlamentari conservatori scrivono lettere di sfiducia a Johnson, il che farebbe scattare un voto sulla sua posizione. Il fatto che scrivano quelle lettere può dipendere dal livello di interruzione tra i loro elettori.

La polizia metropolitana potrebbe anche essere coinvolta in un’indagine a sé stante, che potrebbe effettivamente rimandare l’azione sulle parti n. 10 fino alla conclusione delle loro indagini, ma vale la pena notare che finora sono state riluttanti a farsi coinvolgere.

– Con la segnalazione di Gráinne Ní Aodha e Orla Dwyer

Leave a Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.